Chi è Aseop

Il 6 marzo 1988, presso la Sala del Consiglio della Direzione Generale del Policlinico di Modena, un gruppo di genitori di bambini affetti da patologie oncoematologiche insieme alla Professoressa Fausta Massolo, allora Direttrice del Reparto di Oncoematologia Pediatrica, con un gesto appassionato di civiltà ed impegno decise di dare vita ad ASEOP (Associazione Sostegno Ematologia Oncologia Pediatrica) con il fine principale di sostenere la ricerca e la cura, fornire un punto di riferimento competente e solidale alle famiglie ed ai bambini colpiti dalla malattia, rispondere ai loro dubbi, difendere i loro diritti. La realtà che li circondava era certamente più desolante di quella attuale. Molti processi biologici non erano ancora stati rivelati dalla ricerca. Pochi erano gli studiosi e i clinici che in Italia potevano dirsi veramente competenti della patologia. La malattia appariva ai più come un male oscuro che affliggeva la famiglia, a cui si reagiva con il timore e la chiusura in sé. Molti passi avanti sono stati fatti, molti sono ancora da fare. Con la sua nascita l’associazione offrì il suo piccolo ma importante contributo e tutt’oggi continua quotidianamente in questa azione a Modena, in Italia e nel mondo. In questi anni tante persone si sono avvicinate all’associazione e l’impegno di chi scrisse il primo statuto, di chi decise di dedicare la propria vita alla sensibilizzazione, alla ricerca o alla cura di questa particolare patologia, permette oggi a chi entra in contatto con la malattia oncoematologica di essere meno smarrito e di trovarsi meno solo.

ASEOP è iscritta all’Albo Provinciale del Volontariato, collabora con ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo), a livello nazionale con FIAGOP (Federazione Italiana Associazioni Genitori Oncoematologia Pedioatrica), e a livello internazionale aderisce e collabora con ICCCPO (International Confederation Childhood Cancer Parents Organization). Oggi, come al momento della costituzione, i principi ispiratori che animano il fare dei tanti volontari sono semplicI parole che racchiudono in se l’essenza dell’agire che dura ormai dal 1988.

Scopi di ASEOP

> AIUTARE

i bambini affetti da patologie oncoematologiche e le loro famiglie, sia durante che dopo il periodo di degenza, con particolare riguardo all’ospitalità ed al sostentamento per coloro che provengono da zone lontane dell’Italia e del mondo, alla frequenza scolastica nel periodo di degenza che non, all’aspetto ludico ed al reinserimento dei piccoli pazienti fuori terapia nella società. Contribuire in modo concreto al miglioramento strutturale e strumentale del reparto pediatrico dove i bambini vengono seguiti.

> SENSIBILIZZARE

e diffondere la conoscenza di tematiche specifiche quali le patologie oncoematologiche e non in età pediatrica, le modalità terapeutiche, il trapianto di midollo osseo, di cellule staminali emopoietiche da sangue periferico e da cordone ombelicale.

> ESTENDERE

la conoscenza scientifica a personale medico ed infermieristico italiano e non, operante in ambito oncoematologico, attraverso l’organizzazione di corsi di formazione, di congressi, l’istituzione di borse di studio ed incentivando e stimolando lo scambio di nozioni e competenze a livello nazionale ed internazionale con altri centri specialistici ed associazioni analoghe.

> ORGANIZZARE

incontri aperti ai genitori, ai soci, ai medici di base, al personale infermieristico al fine di interagire a livello territoriale in modo concertato e collaborativo.

> PROMUOVERE

e sostenere la ricerca in ambito oncoematologico oltre ad intensificare i rapporti con altre associazioni analoghe e realizzare progetti di cooperazione internazionale al fine di garantire il diritto alla salute ai bambini affetti da patologie tumorali dei paesi poveri del mondo.